The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber vince Docunder30 2017!

Docunder30_XI°edizione
The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber vince Docunder30 2017!

Ecco tutti i film che sono stati premiati dalle giurie della XI edizione

Dalla violenza tra le mura domestiche al sogno di emigrare verso l’Europa, dalle dure condizioni di vita nelle baraccopoli di Città del Capo alle ferite ancora aperte dal sisma del 2012 in Emilia: sono questi i temi dei documentari dei giovani autori che hanno conquistato le giurie e il pubblico della 11esima edizione di Docunder30, primo e unico festival italiano dedicato agli “autori sotto i trent’anni” di cinema documentario, che si è svolto, dal 14 al 16 dicembre, presso il Cinema Teatro Galliera di Bologna.

Un’ulteriore appendice del festival è in programma per il 19 dicembre al Cinema Boldini di Ferrara.

The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber fa incetta di premi e si aggiudica non solo il riconoscimento della giuria Docunder 30, presieduta da Germano Maccioni, ma anche i premi delle giurie Doc/it e Kinodromo. Riski di Otto Reuschel risulta il miglior film della sezione Global per la giuria D.E-R; mentre la giuria del Liceo Laura Bassi assegna il premio alla miglior fotografia della sezione Global a The singing Souls of Buli di Arianna Azzolini e il premio alla migliore colonna della sezione Intimacy a 19 Maggio 2012, Mirandola (MO). Ultima Proiezione di Sebastiano Caceffo.

Docunder30 numero 11, un’edizione che si ricorderà nella storia del festival.

Tre giorni intensi di programmazione, quasi tutta a ingresso gratuito, con proiezioni, incontri e masterclass tenuti da docenti professionisti altamente qualificati come il direttore della fotografia Gian Filippo Corticelli, la montatrice Ilaria Fraioli e il Producer of Marketing and Distribution di Movieday Luca Malgara.

Un’edizione speciale caratterizzata non solo dagli ospiti, ma anche da due proiezioni fuori concorso, che hanno riempito la sala del Galliera nelle due serate di giovedì e venerdì: Life, Animated di Roger Ross Williams, candidato all’Oscar nel 2017 per il Miglior Documentario e vincitore di vari premi tra cui quello al Sundance Film Festival 2016; e in anteprima cittadina, Sono Guido e non Guido di Alessandro Maria Buonomo, il mockumentary sul poeta Guido Catalano.

Di seguito tutti i vincitori e i premi assegnati dalle cinque giurie della XI edizione di Docunder30.

GIURIA DOCUNDER30

La giuria, composta dagli studenti dell’Università di Bologna (DAMS e LM in Cinema, Televisione e Produzione multimediale), presieduta dal regista Germano Maccioni, membro dell’Associazione 100autori, e coordinata dal Prof. Paolo Noto (Università di Bologna), ha assegnato un buono in denaro pari a 1.000 euro al miglior film scelto tra entrambe le sezioni. Il premio è offerto e sponsorizzato da D.E-R e ADCOM e può essere speso presso il negozio Adcom di Bologna www.adcom.it. Il vincitore inoltre avrà la possibilità di iscrivere il proprio film gratuitamente alla selezione dell’ECU The European Indipendent Film Festival 2018, partner di Docunder30. www.ecufilmfestival.com.

Miglior documentario della sezione Intimacy e della sezione Global
The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber
The Good Intentions
Con la seguente motivazione: Per il rigore con cui riscatta l’immagine delle relazioni familiari, grazie anche ad un uso potente del materiale d’archivio personale in una struttura drammaturgica avvincente e coerente nonostante la lunghezza, considerando che riesce a far emergere gli attori familiari quali veri e propri personaggi non esasperando l’aspetto emotivo e senza scadere nel patetismo e nel compiacimento autoreferenziale.

GIURIA D.E-R

La giuria composta da Sandra Caddeo, Vittoria Pesante, Marcella Piccinini e Manuela Teatini – autori e produttori dell’Associazione D.E-R (www.dder.orge da Tania Palmier, Operation Manager ULULE Italia ha assegnato al miglior film della sezione Global l’Ulule Award che consiste nella possibilità di lanciare gratuitamente una campagna di crowdfunding per la distribuzione del film vincitore sulla piattaforma it.ulule.com. Il premio è offerto da ULULE. Il vincitore avrà inoltre la possibilità di iscrivere il proprio film gratuitamente alla selezione dell’ECU The European Indipendent Film Festival, partner di Docunder30.

Miglior documentario della sezione Global
Riski di Otto Reuschel
Riski
Con la seguente motivazione: Per l’originalità del tema trattato, per il coraggio di affrontare e raccontare una realtà tanto estrema quanto drammatica, riuscendo a emozionare e a fare riflettere.

GIURIA DOC/IT

La giuria è composta da Francesco Conversano, Lamberto Mongiorgi, Adam Selo e Gabriele Veronesi – autori e produttori dell’Associazione Doc/it (www.documentaristi.it) – e assegna il premio al miglior film scelto tra entrambe le sezioni. Il premio consiste nell’iscrizione gratuita a Doc/it, al fine di agevolare la partecipazione dei giovani emergenti alla vita associativa ed alla promozione e sviluppo del comparto del documentario italiano. Il premio è offerto da Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani.

Miglior documentario della sezione Intimacy e della sezione Global
The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber
The Good Intentions
Con la seguente motivazione: Un film che ha diviso la giuria, ma che grazie alla freschezza di un linguaggio, capace di mettersi in gioco, attraverso la presenza dell’autore. E’ riuscito a rendere universali le sue tematiche intime e personali creando un quadro familiare nitido e sincero.

GIURIA KINODROMO

La giuria è composta da Maddalena Bianchi, Roberto Di Mola, Elena Frassineti, Brando Sorbini e Serra Yurur, rappresentanti dell’Associazione culturale Kinodromo (www.kinodromo.org), fondata dagli operatori del settore culturale e audiovisivo allo scopo di promuovere il cinema indipendente e le sue varie forme, attraverso spazi di fruizione nuovi e condivisi. L’associazione è responsabile del progetto Kinodromo@Europa e LOFT Kinodromo e assegna il premio al Miglior Film della sezione Intimacy. Il premio offerto consiste nella proiezione del documentario vincitore all’interno della programmazione del LOFT Kinodromo.

Miglior documentario della sezione Intimacy
The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber
The Good Intentions
Con la seguente motivazione: Per la sua capacità di rappresentare al meglio la sezione Intimacy e per la sua sensibilità nel trattare il tema. Nonostante parli di una storia personale è un film capace di empatizzare molto bene con lo spettatore. Per il coraggio della regista di mettersi in campo fisicamente, attivando con se stessa un processo di autoconsapevolezza. E per aver reso tutto ciò adottando un linguaggio cinematografico fresco ed efficace.

GIURIA LAURA BASSI

La giuria è composta da alcuni studenti della 1G, 2G e 3G del Liceo Laura Bassi e della 3P del Liceo musicale Lucio Dalla di Bologna. E’ presieduta dal prof. Roberto Guglielmi, dalla prof.ssa Rossana Capucci, dal prof. Cosimo Caforio e coordinata da Spartaco Capozzi. La giuria del Liceo Laura Bassi assegna il premio alla miglior fotografia a un film della sezione Global, mentre la giuria del Liceo musicale assegna il premio alla migliore colonna sonora a un film della sezione Intimacy. Il premio consiste nella proiezione delle opere vincitrici presso il Liceo Laura Bassi.

Miglior fotografia sezione Global
The singing Souls of Buli di Arianna Azzolini
The singing souls of Buli
Con la seguente motivazione: La fotografia aiuta l’immedesimazione dello spettatore, all’interno della storia. Le luci e i colori che cambiano l’intensità dall’inizio alla fine del film suscitano emozioni potenti. L’utilizzo del controluce risulta una scelta funzionale per lo stile narrativo.

Migliore colonna sonora sezione Intimacy
19 Maggio 2012, Mirandola (MO). Ultima Proiezione di Sebastiano Caceffo
19 Maggio 2012, Mirandola (MO). Ultima Proiezione
Con la seguente motivazione: Una volta entrato nel tombale silenzio si rilassa e inizia a scorgere dettagli, dettagli sonori. Abbiamo apprezzato il curatissimo uso del sonoro e come esso sia stato usato per definire e contestualizzare la cruda immagine. Il suono ci restituisce la realtà, ci ha permesso di essere li, nella terra colpita dalla calamità.

Foto dei film vincitori disponibili QUI:

https://we.tl/W75Je6uQLc

Per maggiori informazioni, sono a disposizione il sito www.dder.org, la pagina www.facebook.com/docunder30, e l’email info.docunder30@gmail.com.

Questa voce è stata pubblicata in 2017, DOCUNDER30. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.